L'arte di strisciare
  • Amici di penna

Argomenti:

AGCOM Agcom Alberto Spampinato Aldo Busi Alfredino Rampi Amedeo Ricucci Ammazza-blog Andreotti Angelucci Anselmi Arpisella Arte di strisciare Articolo 21 Assange Audipress BCE Belpietro Berlusconi Bersani Biondani Blog Boffo Bonini Brunetta Calabrò Camera dei Deputati Campaign for Press and Broadcasting Freedom Cantoni Carelli Cassazione Cassese Ceccarelli Centro Pannunzio Ciarrapico Cofrancesco Colli Commissione europea Compagna Consiglio Italiano del Movimento Europeo Consiglio d'Europa Corbellini Corriere della Sera Corte di Cassazione Corte europea Costitizione Craxi Critica liberale Cyberwar Danilo Toninelli Ddl intercettazioni Decreto Romani Diffamazione Duff Einaudi Enzo Marzo Euro Europa European Alternatives FLARE Network FNSI FOIA Fabio Ghioni Facci Farina Fede Federica da Milano Feltri Ferruccio de Bortoli Festival del Diritto Fieg Fini Fondazione Zoé Forum Forum PA Franco Di Mare Franco Grillini Frank La Rue Frattini Freedom of Information Act Gabriele Dossena Garante Privacy Garante della Privacy Gasponi Gerardo Greco Gilioli Giordano Giornale Gioventù Federalista Europea Giustiniani Google Governo Governo Monti Grosso ISP Icelandic Modern Media Initiative Iniziativa Cittadina Europea Internet Ipv4 Ipv6 Jònsdottir Kelsen L'Aquila LSDI La Stampa La Storia siamo noi Laura Boldrini Legge bavaglio Letizia Libero Libertà e Giustizia Liceo Giordano Bruno Liceo Mamiani Liceo Newton M5S Manfellotto Manning Marcegaglia Marcello Dell'Utri Maria Gigliola Toniollo Mariconda Mario Pannunzio Maroni Mascheroni Massimo Franco Massimo Gaggi Massimo Morisi Maurizio Fumo Mediaset Messaggero MiBAC Mills Minzolini Moratti Morigi Movimento Federalista Europeo Mulé Napolitano Nazione Net neutrality Nicola D'Angelo Nicole De Leo Nobavaglio.it OGP ONU Obama Odg Open Government Partnership Open Media Coalition Ordine dei giornalisti Osservatore Romano Osservatori Ossigeno PA PD PDL Pace Padellaro Palazzo Chigi Pannunzio Panorama Paola Di Caro Paolo Costa Parlamento Perfetti Piero Ostellino Piero Soldini Pisapia Piscitelli Porro Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza della Repubblica Privacy Provincia di Roma Quaglieni RAI Redmont Repubblica Riotta Rita Dalla Chiesa Rodotà Romani Ronchey S. Cecilia Sallusti Sarah Varetto Sawallisch Scalfari Sechi Senato Senato della Repubblica Senza Bavaglio Sgarbi Sky TG24 Società Pannunzio Società dell’Informazione Sole24Ore Stancanelli Stati Uniti d'Europa Stefania Pezzopane Studenti&Cittadini TAR Tavolo Civico Tedeschini Tg1 Tocqueville Trans Transparency International Travaglio Trincia Tullio De Mauro Twitter UDC UE UGC USA Unione europea Veneziani Vividown VogliamoTrasparenza VogliamoTrasparenza.it Wikileaks Wikimedia Zagrebelsky Zingaretti accesso accesso agli atti agcom appuntamenti arte di strisciare assoluzione audiovisivi autoregolamentazione blog carta di roma censura convegni copyright corruzione d'Holbach ddl alfano denunce deontologia diffamazione diritti dei lettori diritto diritto d'autore diritto di accesso diritto di cronaca domini editoria editoriali europa fondi sovrani freedom of information g8 genova giornali giornalismo giustizia il Fatto il Tempo immigrazione informazione intercettazioni intermediari internet interpellanza interviste l'Espresso lettere al direttore libertà d'informazione lottizzazione magistrati mario pannunzio media medicina minacce minori nomine normativa ombudsman open media coalition osservatorio economia osservatorio economia osservatorio europa osservatorio scienza persona piazze pluralismo prescrizione primavera araba privacy proprietà pubblica amministrazione pubblicità registrazione rettifica sentenze sequestri società civile stampa tecnologia televisione terremoti tg1 transgender trasparenza tunisia vogliamo trasparenza vogliamo trasparenza. web tv

     

Censura preventiva al Ministero dei beni culturali

Guido Scorza

25.09.2013 – Censura preventiva al Ministero dei beni culturali “Al fine di assicurare l’unità dell’azione amministrativa si richiama la necessità che ogni attività, a rilevanza esterna, finalizzata alla formulazione di proposte normative che possano incidere sulla disciplina dei beni culturali, debba seguire un percorso ordinato e sistematico che sia pienamente rispettoso del ruolo istituzionale assegnato all’organo di indirizzo politico del ministero”.

Inizia così la circolare ministeriale con la quale, ieri, [n.d.r. la circolare è la n. 39 del 23 settembre 2013 non ancora pubblicata sul sito del MIBAC] il Segretario Generale del Ministero dei beni e delle attività culturali ha informato tutti gli uffici del Ministero che, da ora in avanti, chiunque voglia farsi promotore di un evento nel corso del quale discutere o far discutere di una proposta di modifica del quadro normativo vigente dovrà comunicare tale intenzione al proprio diretto superiore che, a sua volta,  dovrà richiedere al Segretariato Generale un’apposita autorizzazione “da parte del Ministro o, su sua indicazione, da parte dei responsabili degli uffici di diretta collaborazione”.

“La procedura prevede – scrive il segretario generale nella Circolare – che i contenuti delle proposte [n.d.r. di organizzazione di eventi nell’ambito dei quali discutere proposte di modifica del quadro normativo] siano preventivamente e obbligatoriamente vigilati dai Direttori generali e dai Direttori regionali competenti” e – prosegue – “dovranno essere inviate a questo Segretariato generale il quale provvederà a esporle agli uffici di diretta collaborazione per la successiva valutazione sia del programma che dei contenuti e delle finalità e solo in caso di esito positivo, è prevista la eventuale autorizzazione da parte del Ministero”.

Vietato, dunque, discutere di una riforma della disciplina dei beni culturali – piccola o grande che sia – senza il permesso del Ministro anche se, come avviene in genere, senza impegnare in alcun modo il Ministro né parlare a nome del Ministero.

Sebbene nell’ingessato linguaggio istituzionale, la chiosa finale della Circolare ne racchiude il senso: l’obiettivo è quello di consentire al Segretariato generale di esercitare la funzione di coordinamento e di garanzia dell’unità dell’azione amministrativa.

In burocratese si scrive così ma la sostanza è che si vuole azzerare la dialettica dei diversi uffici del Ministero ed imporre un pensiero unico.

Per coordinare l’azione amministrativa, infatti, sarebbe bastato – se davvero indispensabile – stabilire un obbligo di preventiva comunicazione ma nella circolare ci si spinge ben oltre e si arriva stabilire l’obbligo di ottenere una speciale autorizzazione del Ministro prima di discutere in un evento di una modifica normativa.

Quella del Segretario Generale del Ministero dei beni e delle attività culturali è un’iniziativa di straordinaria gravità che non può e non deve rimanere inghiottita nei corridoi del Ministero.

Tocca al ministro Bray, prendere posizione, ratificandola o sconfessandola e restituendo ai propri dipendenti, funzionari e dirigenti la libertà di parola e con essa quella di contribuire al dibattito politico e culturale sulle regole dei beni culturali.

E’ davvero il colmo che in un Ministero dei beni culturali manchi la libertà di cultura.

 

[Pubblicato su ilFatto Quotidiano.it il 24 settembre 2013]


Stampa o salva l'articolo in PDF Argomenti correlati: libertà d'informazione, censura, MiBAC - Nessun commento



 
 
 
 



Società Pannunzio per la libertà d'informazione | Via delle Carrozze 19 - 00187 - Roma | email info@societapannunzio.eu

Creative Commons License

siteinfo - cookie policy