L'arte di strisciare
  • Amici di penna

Argomenti:

AGCOM Agcom Alberto Spampinato Aldo Busi Alfredino Rampi Amedeo Ricucci Ammazza-blog Andreotti Angelucci Anselmi Arpisella Arte di strisciare Articolo 21 Assange Audipress BCE Belpietro Berlusconi Bersani Biondani Blog Boffo Bonini Brunetta Calabrò Camera dei Deputati Campaign for Press and Broadcasting Freedom Cantoni Carelli Cassazione Cassese Ceccarelli Centro Pannunzio Ciarrapico Cofrancesco Colli Commissione europea Compagna Consiglio Italiano del Movimento Europeo Consiglio d'Europa Corbellini Corriere della Sera Corte di Cassazione Corte europea Costitizione Craxi Critica liberale Cyberwar Ddl intercettazioni Decreto Romani Diffamazione Duff Einaudi Enzo Marzo Euro Europa European Alternatives FLARE Network FNSI FOIA Fabio Ghioni Facci Farina Fede Federica da Milano Feltri Ferruccio de Bortoli Festival del Diritto Fieg Fini Fondazione Zoé Forum Franco Grillini Frank La Rue Frattini Freedom of Information Act Garante Privacy Garante della Privacy Gasponi Gilioli Giordano Giornale Gioventù Federalista Europea Giustiniani Google Governo Governo Monti Grosso ISP Icelandic Modern Media Initiative Iniziativa Cittadina Europea Internet Ipv4 Ipv6 Jònsdottir Kelsen L'Aquila LSDI La Stampa La Storia siamo noi Laura Boldrini Legge bavaglio Letizia Libero Libertà e Giustizia Liceo Giordano Bruno Liceo Mamiani Liceo Newton Manfellotto Manning Marcegaglia Maria Gigliola Toniollo Mariconda Mario Pannunzio Maroni Mascheroni Massimo Franco Massimo Gaggi Massimo Morisi Maurizio Fumo Mediaset Messaggero MiBAC Mills Minzolini Moratti Morigi Movimento Federalista Europeo Mulé Napolitano Nazione Net neutrality Nicola D'Angelo Nicole De Leo Nobavaglio.it OGP ONU Obama Open Government Partnership Open Media Coalition Ordine dei giornalisti Osservatore Romano Osservatori Ossigeno PA PD PDL Pace Padellaro Pannunzio Panorama Paola Di Caro Paolo Costa Parlamento Perfetti Piero Ostellino Piero Soldini Pisapia Piscitelli Porro Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza della Repubblica Privacy Provincia di Roma Quaglieni RAI Redmont Repubblica Riotta Rita Dalla Chiesa Rodotà Romani Ronchey S. Cecilia Sallusti Sawallisch Scalfari Sechi Senato Senato della Repubblica Sgarbi Sky TG24 Società Pannunzio Società dell’Informazione Sole24Ore Stancanelli Stati Uniti d'Europa Stefania Pezzopane Studenti&Cittadini TAR Tedeschini Tg1 Tocqueville Trans Transparency International Travaglio Trincia Tullio De Mauro Twitter UDC UE UGC USA Unione europea Veneziani Vividown VogliamoTrasparenza VogliamoTrasparenza.it Wikileaks Wikimedia Zagrebelsky Zingaretti accesso accesso agli atti agcom appuntamenti arte di strisciare assoluzione audiovisivi autoregolamentazione blog carta di roma censura convegni copyright corruzione d'Holbach ddl alfano denunce deontologia diffamazione diritti dei lettori diritto diritto d'autore diritto di accesso diritto di cronaca domini editoria editoriali europa fondi sovrani freedom of information g8 genova giornali giornalismo giustizia il Fatto il Tempo immigrazione informazione intercettazioni intermediari internet interpellanza interviste l'Espresso lettere al direttore libertà d'informazione lottizzazione magistrati mario pannunzio media medicina minacce minori nomine normativa ombudsman open media coalition osservatorio economia osservatorio economia osservatorio europa osservatorio scienza persona piazze pluralismo prescrizione primavera araba privacy proprietà pubblica amministrazione pubblicità registrazione rettifica sentenze sequestri società civile stampa tecnologia televisione terremoti tg1 transgender trasparenza tunisia vogliamo trasparenza vogliamo trasparenza. web tv

     

AGCOM, autorità una e trina?

Guido Scorza

30.03.2012 – AGCOM Calabrò alla seconda audizione in Senato. Emerge il testo del provvedimento che il Governo dovrebbe varare per affidare ad AGCOM i poteri per vigilare sul rispetto del diritto d'autore online. Inaccettabile, nel metodo e nel merito

Roma - Altro che Governo dei professori, del rilancio e del futuro. Quello del Professor Mario Monti rischia di passare alla storia come il Governo più nemico della Rete che il Paese abbia avuto negli ultimi anni. Ma stiamo ai fatti che giustificano un giudizio tanto severo. Anna Masera, sulle pagine de La Stampa, pubblica il testo del provvedimento che il Governo, stando a quanto anticipato dal Presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni nel corso delle sue recenti audizioni dinanzi al Senato, si accingerebbe a varare.
Si tratta, purtroppo, di quanto già anticipato su queste pagine.

Con il Provvedimento in questione il Governo affiderebbe - il condizionale è conseguenza del carattere non ufficiale del documento pubblicato sulle pagine de La Stampa e del silenzio della Presidenza del Consiglio dei Ministri - all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni il compito di vigilare sul rispetto della disciplina in materia di diritto d'autore online, di risolvere le relative controversie e, come se non bastasse, di dettare le regole che governeranno i procedimenti relativi alla rimozione dei contenuti pubblicati in violazione del diritto d'autore online.

Un'Autorità una e trina, dunque. Un'Autorità che - caso più unico che raro in un paese democratico - è tenutaria, in relazione ad una materia tanto rilevante come la circolazione dell'informazione e del sapere nello spazio pubblico telematico, dei tre poteri dello Stato: quello legislativo, quello esecutivo e quello giudiziario.
È una decisione di inaudita gravità inaccettabile nel metodo e nel merito.

Ecco le ragioni di metodo.

1. Gap di Trasparenza
L'iniziativa del Governo è stata gestita - e continua ad essere gestita - nelle segrete stanze di Palazzo Chigi, nonostante la rilevanza del tema del quale si discute e l'esistenza, ormai da mesi, di un dibattito pubblico senza precedenti che a Palazzo Chigi non può essere sfuggito.
È una scelta istituzionalmente offensiva nei confronti dell'opinione pubblica che un Premier come Mario Monti che nella sua prima conferenza stampa aveva annunciato di voler procedere - "alla maniera europea" - in modo trasparente e con ampie consultazioni non avrebbe dovuto permettere venisse assunta dai suoi uomini.
È urgente, per rimediare, che il testo ufficiale del provvedimento - in bozza - venga pubblicato sulle pagine del sito di Palazzo Chigi o che il Governo smentisca.

2. Balle di Stato
Il provvedimento sarebbe intitolato "Disposizioni interpretative in materia di competenze dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni".
Si tratta di una clamorosa mistificazione della realtà. Il provvedimento, infatti, non interpreta nessuna precedente disposizione di legge perché non esiste nessuna previsione normativa che attribuisca all'Autorità Garante poteri tanto ampi ed incisivi. È una balla di Stato. L'ennesima in questa brutta vicenda. Il Governo sta attribuendo - ex novo - ad AGCOM poteri che non le competono e che, in ogni caso, nessuna norma di legge - né in modo implicito né in modo esplicito - allo stato, le attribuisce.

3. Tardivo e salva-AGCOM
Sono mesi che si discute del fatto che l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni è priva dei poteri necessari a varare il regolamento che l'industria editoriale ed audiovisiva italiana - con la connivenza di una buona fetta dell'emiciclo parlamentare - le ha commissionato. Ora, a qualche settimana dal rinnovo dei Commissari AGCOM, il Governo sana questa situazione di palese illegalità attribuendo all'Authority poteri senza precedenti nella storia della Governance della Rete.


Queste, invece, le ragioni di merito.

1. L'informazione online è un bene comune
Il Governo sta affidando a 5 persone - tanti saranno i membri della nuova Autorità - il potere di dettare le regole che governeranno l'accesso dei cittadini italiani all'informazione online da chiunque ed ovunque pubblicata nel mondo. È una materia che non può essere sottratta al dibattito parlamentare e, soprattutto, non può essere affidata ad un numero tanto ristretto di individui nominati con un meccanismo oscuro, non meritocratico e governato da logiche di lottizzazione politica.
L'informazione ed il sapere sono i più preziosi tra i beni comuni di una democrazia. Un Governo che se ne preoccupa tanto poco da affidarne la disciplina ad un Autorità semi-indipendente è un Governo che non ha a cuore le sorti ed il futuro del Paese.

2. L'accesso alla Rete è più prezioso del diritto d'autore
"Nei casi di particolare gravità o di reiterazione delle condotte illecite, l'Autorità inoltre dispone la disabilitazione dell'accesso al servizio o, solo se possibile,  ai contenuti resi accessibili in violazione della legge 22 aprile 1941, n. 633.". È una previsione che dà il polso dell'approccio che il Governo ha al tema dell'informazione online.
La pubblicazione - ancorché reiterata - di un contenuto in violazione del diritto d'autore (ad esempio un video amatoriale o di satira con una musica di sottofondo abbinata senza la necessaria autorizzazione) legittima l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni a disporre, di norma, la disabilitazione dell'intero servizio (forse stanno pensando di chiudere l'accesso a Facebook o a YouTube dall'Italia?) salvo che non risulti possibile ottenere un blocco selettivo all'accesso al solo contenuto pubblicato in violazione delle regole. Anche a voler seguire l'impostazione perversa e liberticida della Presidenza del Consiglio, la norma avrebbe dovuto essere scritta in termini esattamente contrari: l'Autorità dovrebbe fare il possibile per ottenere la rimozione del singolo contenuto pubblicato in violazione del diritto d'autore e, solo in ipotesi del tutto eccezionali (ed all'esito di un giudizio comparativo tra gli interessi tutelati alla libertà di informazione ed al diritto d'autore), poter dettare un ordine di inibitoria alla fruizione di un intero servizio dal nostro Paese. Si sta ipotizzando di chiudere l'accesso alla Rete dal nostro Paese per proteggere qualche centinaia di migliaia di euro di diritti d'autore destinati, peraltro, in massima parte, ad un'industria che non batte più da tempo bandiera italiana.
È un'autentica follia ed è un disegno costituzionalmente insostenibile. L'accesso alla Rete, nel 2012, significa libertà di comunicare e. dunque, costituisce uno dei diritti fondamentali dell'uomo e del cittadino.

Ora la parola tocca al Governo dei professori. Può scegliere di proseguire su questa strada e passare alla storia come l'Esecutivo che ha fatto carne da macello della libertà di informazione nel nostro Paese, superando - in peggio - il suo predecessore nemico, per ragioni personali, di Internet e dell'informazione libera. O, invece, chiedere scusa agli Italiani ed ammettere di essersi un po' troppo lasciato tirare dalla giacchetta dei soliti noti.
Quale che sia la posizione che il Premier vorrà assumere, l'importante è che lo faccia al più presto.

Frattanto - considerati gli straordinari poteri - dei quali i nuovi cinque membri dell'AGCOM si troveranno a disporre, diventa ancora più determinante chiedere ed esigere trasparenza nelle loro nomine, come la società civile ha già iniziato a fare attraverso la campagna VogliamoTrasparenza.it.


[pubblicato su PuntoInformatico il 29 marzo 2012]


Stampa o salva l'articolo in PDF Argomenti correlati: Internet, AGCOM, diritto d'autore, copyright, Calabrò, intermediari - Nessun commento



 
 
 
 



Società Pannunzio per la libertà d'informazione | Via delle Carrozze 19 - 00187 - Roma | email info@societapannunzio.eu

Creative Commons License
siteinfo